Territorio

Montiferru, bue rosso (foto CCIAA Oristano)

Il Montiferru-Sinis

Il territorio dell’Unione dei Comuni “Montiferru - Sinis” è situato nella parte centro-occidentale della Sardegna caratterizzato dal massiccio del Montiferru a nord, dalla penisola del Sinis e relativi compendi sabbiosi costieri a sud-ovest e dalle aree di pianura alluvionali stagnali e fluviali a sud-est. Abbraccia sia la policroma costa, con falesie a nord e sabbie a sud, che il selvaggio interno della Sardegna centro-occidentale, nella provincia di Oristano.

Il patrimonio naturalistico ed il paesaggio costiero di particolare rilevanza, rendono queste zone il luogo ideale per un turismo attento alla valorizzazione delle risorse ambientali ed alla fruizione sostenibile del territorio, caratterizzato da una grande vivacità culturale, da tradizioni millenarie e misteriosi riti legati alla terra, da ricorrenze religiose e profane.

Subregione di origini antichissime, il Montiferru - Sinis è animato da scenari di grande bellezza e varietà: dalle zone umide del Sinis, alle aree fluviali del Rio Foghe, a quelle collinari e montane del Montiferru. La ricchezza e la varietà di questi luoghi li rende una destinazione ideale per chi è alla ricerca di sensazioni autentiche.

Il nome “Montiferru” deriva dall’omonimo massiccio di origine vulcanica, spento da più di un milione di anni. La sua costa è quasi completamente alta e frastagliata. Con il nome “Sinis”, invece, si intende la penisola che si distende lungo la costa nord del golfo di Oristano. Si ammira un vasto sistema di zone umide, alcune delle quali (Stagno di Cabras, Stagno di Sale Porcus, Stagni di Putzu Idu) riconosciute d’importanza internazionale (aree SIC e ZPS).